Asia

1939701_10203414707637794_654607892_n
La Thailandia ha una piccolissima presenza cristiana e la sua storia e cultura è impregnata della religiosità buddista.
La parrocchia Maria Regina della Pace a Chae Hom si trova nella diocesi di Chiangmai, al nord della Thailandia. Vi sono nel territorio parrocchiale 300 villaggi disseminati lungo le vallate o sui monti, abitati da diversi gruppi etnici.
La parrocchia San Francesco d’Assisi a Lamphun, nata nel 2011, è l’unico segno visibile della presenza cattolica per 551 villaggi. E’ una comunità che cerca di creare un ambiente accogliente per tanti immigrati della provincia che conta più di 400.000 abitanti.
i missionari fidei donum delle diocesi del Triveneto, in cooperazione con la chiesa di Chiang Mai

Lettera dalle missioni

Suppatra, giovane catechista, con alcuni ragazzi del Centro “Maria Regina della Pace” visita settimanalmente alcuni malati e disabili della nostra parrocchia: portano un po’ di conforto facendo loro compagnia, pulendo la casa, preparando da mangiare. È una semplice attività per nulla scontata in un adolescente cresciuto in una cultura dove il bene si fa ma non sicuramente nel nascondimento e nella gratuità.
A turno questi ragazzi si impegnano in attività di autofinanziamento come la vendita di biscotti da loro preparati per aiutare questi bisognosi ad acquistare piccole cose necessarie. Così coinvolgono anche altri amici in questa loro opera di solidarietà.
I ragazzi che vanno a trovare gli ammalati – dice Suppatra – possono imparare ad aprire e a donare ciò che portano nel cuore, in particolare ai deboli, agli afflitti, ai bisognosi. E dall’incontro con gli ammalati e gli anziani, i ragazzi possono guardarsi dentro e conoscere meglio il mondo della sofferenza.
Per gli ammalati si apre  un raggio di gioia nelle loro giornate e il rapporto che nasce con i ragazzi è davvero speciale perché nasce dalla gratuità e dell’amore. Anche se essi non sono cattolici e non conoscono Gesù, nascono belle relazioni che fanno crescere sia loro che i ragazzi.
Per quel che mi riguarda mi ha aperto un nuovo modo di vedere il mondo. Guardare i ragazzi che stanno crescendo mettersi in gioco con gli ammalati e aprirsi al servizio che nasce da un amore gratuito, mi fa vedere la bontà che nasce dalla misericordia evangelica. Vedere che le persone ammalate e anziane hanno bisogno più di calore umano che di cose, mi ha aiutata a capire quanto importante sia ricevere e dare amore senza avere nulla in cambio.”

 

Thailandia – Diocesi di Chiang Mai

progetti proposti dai missionari diocesani fidei donum