Altri progetti con sostegno “una tantum”

Consapevoli che la missione è per sua natura una realtà comunitaria che chiede una partecipazione corale, fraterna e sollecita l’impegno di tutti, si sono costituiti alcuni “Fondi per progetti”. 

Con questo nome intendiamo una raccolta di offerte libere e occasionali come espressione di solidarietà e generosità. Ognuno è invitato a contribuire ad un progetto e ad inviare il proprio contributo economico da stabilire liberamente secondo le proprio possibilità. 

Queste offerte ci permetteranno di intervenire con efficacia in significativi ambiti della vita delle persone e delle comunità. Sarà un modo concreto per condividere, per aiutare, per ridare speranza e un futuro migliore a tanti nostri fratelli.

Vi proponiamo quelli che attualmente ci stanno più a cuore:

  •  Sostegno dei laici a servizio della comunione e cooperazione tra Chiese – Sostegno dei laici che, a fianco dei presbiteri diocesani fidei donum, si mettono a servizio delle comunità cristiane locali, in missione, secondo lo stile e lo prospettiva ecclesiale della comunione e della cooperazione tra Chiese sorelle.
  • Un abbonamento a La Difesa del popolo è un modo per offrire ad un missionario/a un importante strumento di comunione con la propria Chiesa di origine. Il vostro contributo può aiutarci a sostenere le molte richieste che continuano ad arrivarci.

             > Euro 30 per abbonamento digitale

             > Euro 130 per abbonamento cartaceo

Un aiuto per tutti coloro che a causa dell’estrema situazione di povertà in cui vivono, non sono in grado di far fronte alle spese ospedaliere.

Sostegno dei progetti promossi dall’associazione “Saint Martin“: bambini disabili; ragazzi di strada e scuole informali; non violenza e diritti umani; AIDS, alcool e abuso di droga; risparmio e microcredito; emergenze.

  • Ecuador – Fraternità cattolica “Missione di Cristo”

I beneficiari sono bambini/e e giovani a rischio, nati in famiglie disagiate e che hanno lasciato le loro terra di origine alla ricerca di un lavoro anche se precario che si trovano a vivere in una realtà sociale a loro ostile per la cultura diversa; bambini e giovani che devono cominciare a lavorare molto presto e vivono in situazione di indigenza, malnutrizione e povertà umana e spirituale.